Il Ricercato

Storia d’un raccoglitore di Erbe Officinali, n.2

La vita di un raccoglitore di erbe officinali selvatiche non è semplice come sembra.

Se gli vengono chiesti 50 kg di una pianta non è che se la trova li davanti alla porta di casa che l’ aspetta. E’ un lavoro di ricerca continua sul territorio,  è un lavoro di pazienza.

Lui sà che più paziente e fiducioso sarà e più la sua sposa lo aiuterà, lo accompagnerà.

 

E’ agosto, e’ in fioritura l‘Epilobio Angustifolium. (e’ il momento ideale per raccogliere le sue foglie quando la pianta è in fioritura per farne una tintura madre) Lui  si  segna nel blocco note della sua memoria i luoghi dove l’ avvisterà, dove ce ne sarà una buona quantità.  Per quando servirà.

Conosce questi Appennini fin da quando era piccolo e li ha girati di lungo in largo con ogni mezzo : sa’ muoversi .

Passo della Colla,Passo della Sambuca,siamo tra i 900 e i 1000 mt. Appennini tosco-romagnoli.

Diversi fiumi lungo il percorso, è li, lungo i fiumi a queste altitudini che cerca LUI,l’Epilobio,nel suo habitat migliore.

Tra un percorso e l’altro intento a questa ricerca ha raggiunto La Faggeta,che bel nome,Faggeta, sa’ di fraterno. E infatti cosi è ,siamo in una vera e propria comunità di Faggi ,bellissimi ,maestosi, fitti. Sono solo loro per lunghe estese che abitano questa parte di Appennini. Mi piace questo nome che danno alle comunità di arbusti, faggeta,pineta,betulleta..mi suona di zona protetta, di forza, di un luogo con un energia cosi potente da renderla immune ai danni del genere umano. Forse cosi tanti tutti insieme maestosi creano una sacralità che li mette al sicuro. Mi piace pensare che sia cosi,ché sarà cosi.

Con questi meravigliosi Faggi ci si rincontrera’ a primavera ,quando sarà l’ora della raccolta Delle preziose gemme.

Fagus Sylvatica gemmoderivato (Cento Fiori) , secondo P.Henry  può essere considerato il rimedio  dalle  proprietà diuretiche e antiallergiche , per cui  può essere indicato nel soggetto con note di  ritenzione idrica e sintomi di natura allergica.

Ma torniamo all’Epilobio ,pianta amata dai maschietti per le note proprietà benefiche a livello di prostata, e finisco per raccontarvi che dopo una lunga giornata torrida lo Sposo ,andato a refrigerarsi lungo le sponde del fiume Lamone,  se lo trova di fronte ,in compagnia ,più esemplari assieme con bellissimi fiori rosa alti 150 cm …ma il caldo era troppo, tanto, e la pianta ha superato il giusto periodo di raccolta… Ma è stato bello trovarlo, come una caccia al tesoro conclusa con un post it sulla memoria. Anche con lui appuntamento alla prossima stagione.

silvia

Etichettato ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.